Niente, più niente al mondo. Monologo per un delitto

Niente...Non so proprio come fare a descrivervi questo piccolo, bellissimo racconto senza rovinarvi il gusto di leggerlo. In effetti sarebbe molto meglio scoprirlo leggendolo. Vi dico solo che la voce narrante è una donna di servizio, alcoolizzata, moglie di un ex metalmeccanico della Fiat, ex cassaintegrato, e attualmente lavoratore precario sottopagato. Il luogo è la periferia di Torino, popolata da povera gente ed extracomunitari ancora più poveri.
Il resto lo lascio scoprire a voi; vi dico solo che questa lettura  mi ha fatto riflettere  su molte cose,  fra l’altro  sui media che ci impongono dei  modelli e degli stili di vita che non esistono.  E  ancora sullo squallore di una vita senza cultura e senza speranze, che sfoga la propria infelicità acquistando a rate ciò di cui non ha bisogno, perchè se non compri nulla non fai parte di questa società. Ho già detto troppo.
Massimo Carlotto – Niente, più niente al mondo –
Ed. e/o – €. 7,00


14 commenti

Archiviato in libri

14 risposte a “Niente, più niente al mondo. Monologo per un delitto

  1. Contento che l’abbia apprezzato e ti sia piaciuto! Un saluto

  2. Sono curiosa anche io adesso…appena ho un pò di soldi da spendere che non sono per il dentista, mi rifugio ancheio in libreria..

  3. @ imperterrito: grazie ancora, se hai altro da segnalare..:)@mizia: fai bene! A mio avviso sono sempre soldi ben spesi.Attenzione però, devi scegliere le letture che più si adattano alla tua personalità, altrimenti rischi di accumulare carta e nient’altro.

  4. anonimo

    Bello il libro,come parecchi di Carlotto. Arrivederci amore ciao ad esempio,di cui ora esce il film. Un libro diverso che vado consigliando è Desideri di Roberto Michilli,ed. Fernandel. Spero che i racconti di Vassalli ti siano piaciuti dal tuo post non l’ho capito.Buone letture, Gianluca

  5. @Gianluca: Si, i racconti di Vassalli mi sono piaciuti parecchio, e mi hanno colpita per l’allegra spietatezza con la quale colgono l’assurdità della nostra società (in un certo senso anche Carlotto, con diverse modalità, sottolinea queste assurdità).Colgo al volo il tuo secondo suggerimento, e ti ringrazio.

  6. Falle accumulare carta che poi gliela rivendo e le do il 50% lol. Ci guadagnamo tutti.

  7. @Delsys: Lo spirito dell’affarista! La necessità aguzza l’ingegno? Per ora venditi i miei, sono già parecchi.;)

  8. non c’è abbastanza tempo per leggere tutti i libri del mondo!è questa la più grande ingiustizia dell’universo!

  9. @fastidiosetta: vero; se poi pensiamo che habbiamo sprecato parte del nostro prezioso tempo a leggere dei libri dei quali potevamo benissimo fare a meno, bhe, è ancora più frustrante..

  10. carlotto ha un tratto unicoconsiglio la verità dell’alligatore

  11. @swelkosha: grazie, non mancherò di comprarlo, anzi l’ho già aggiunto alla lista “da comprare”. Ti ho visto da Fastidiosetta, giusto?

  12. @gianluca: Arrivederci amore ciao= compratoDesideri= non trovato (ma proverò ancora) 🙂

  13. Carlotto mi piace molto; di lui ho letto L’oscura immensità della morte e recentemente Il maestro di nodi; penso proprio che leggerò anche gli altri suoi libri:)

  14. @morellina: io finora ho letto “niente più niente al mondo” ed ho iniziato “arrivederci amore ciao”, ma penso che leggerò anche tutti gli altri, nel tempo, alternati ad altri libri che già mi aspettano 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...