It’s a cruel summer

Sto soffrendo di una gran nostalgia, una tristezza che raramente mi colpisce così, e guarda un pò, non è una persona che mi manca. Mi mancano le barriere coralline, le spiagge tropicali, il mare caldo, color turchese. Mi mancano i momenti di quiete, la magia del viaggio, il sole che brucia e il vento che ti dà sollievo. Sarà perchè sto leggendo altri due libri di Tiziano Terzani che parlano di luoghi che io amo tanto, di popoli affascinanti, di incontri che si imprimono nella memoria. Sarà perchè so che quest’anno difficilmente potrò andarmene da qui se non per andare in un’altra città deserta, a far compagnia ad una persona anziana e a morire di caldo e di noia.
La mia droga è il mare tropicale, è l’Asia, è l’Africa. La mia unica medicina è il clima caldo e secco, il mio desiderio più forte è quello di fuggire dall’Occidente, dal nord del mondo. Spesso mi domando perchè mai, proprio io, sono nata a Milano (città alla quale, peraltro, sono molto affezionata).Io sono una lucertola, sono un pesce di barriera, sono una razza leopardo, una tartaruga marina. Questo sole bianco, quest’aria ferma e soffocante, questi inverni mortali che non finiscono mai, questa gente sempre triste, sempre di corsa, che non ha mai il tempo di conoscere il suo prossimo, anche perchè non gli importa…..ma perchè devo vivere qui ?!?! Voi mi direte che c’è chi sta molto peggio, che c’è gente che certi posti non li ha mai nemmeno visti. Ma proprio qui sta il problema: una volta che ci sei stato la nostalgia è inevitabile.Qui sotto ci sono i ritratti dei miei amici che mi mancano tanto.





20 commenti

Archiviato in divagazione, libri, personale, viaggi

20 risposte a “It’s a cruel summer

  1. come ti capisco.l’unica cosa che mi rimette al mondo è passare il tempo a nuotare, pescare…uscire dall’acqua e sentire le labbra gonfiate dal sale!è che questi ritmi di questa parte del mondo non sono i miei.io che mi definisco una ragazza bradipo!

  2. Fortunatamente ci sono i libri, a riportarti con quadri di parole in tutti i mondi che puoi desiderare..

  3. @Fastidiosetta: grazie per la comprensione. Tu vai a pescare? Io non potrei mai, dopo aver conosciuto i miei amici qui sopra, che hanno giocato con me per ore e ore. In fondo sono parenti stretti di quelli che si pescano, mi causerebbe dei sensi di colpa^___^

  4. BeataDiLuna: anche leggere a volte diventa un lusso, ma è una cosa alla quale non posso proprio rinunciare. Hai proprio ragione, per fortuna c’è anche questo modo di viaggiare e di conoscere che nessuno mi può portare via, per ora.

  5. Che aspetti?fuggi…^_^un salutinoAlisia

  6. @alisia80: lo avrei già fatto, ma ho qualche problemino…^____^

  7. beh, io a dire il vero sono invece abbastanza neutrale x quel che riguarda il mare…ci vado (provengo da un posto di mare, in origine, dove torno tutte le estati…) ma non mi entusiasma più di tanto…ps: emily recentemente è uno dei miei personaggi “a fumetto” preferiti! l’ho messa anche come sfondo sul desk del portatile… :))

  8. @Hengie: chissà perchè, ma sospettavo che Emily the Strange piacesse anche a te…

  9. anonimo

    Volere è potere Patty…ricordalo! 😉

  10. Mi sono dimenticato di firmarmi al commento precedente!

  11. @Imperterrito: tu hai ragione, ma oltre al mare, c’è un altro liquido che mi manca: il vil denaro. E senza quello non si fa un granchè ^___^

  12. sfingedineve

    Patty, magari quest’anno non ti muoverai di casa, ma viaggerai comunque, perché il viaggio è una condizione dell’anima, che il tuo blog interpreta molto bene. Complimenti e un saluto refrigerante.

  13. @Sfingedineve: grazie, sono felice che ti piaccia questo blog. Il viaggio, ovvero una condizione dell’anima; sono circa 40 anni che per me è così, ma anche il corpo dovrebbe viaggiare, ogni tanto. Almeno 15 giorni all’anno, non chiederei di più (ma se fosse di più sarebbe meglio!)

  14. vedo che ci accomunano alcune cose oltre l’età e l’amore per i libri….la mancanza di liquidità e la sensazione, nettissima, di essere e vivere nel posto sbagliato. Anche se io, come te, amo la mia città, forse non è grigia come milano, ma anche qui, ormai, tutti vanno di fretta e girano vorticosamente verso il nulla…….mi associo a fastidiosetta per la similitudine col bradipo…..lasciatemi i miei ritmi lenti e lunghi……..e Tiziano Tersani da poter leggere….A parte gli ultimi due, li ho letti tutti e mi sono tuffata nel sogno

  15. @Lunafragola: per me, l’insofferenza per i ritmi milanesi e per la nostra società basata sul profitto, è arrivata con la maturità, diciamo verso i trentacinque/quaranta anni. Forse è anche l’energia che viene a mancare, ma soprattutto la consapevolezza di affannarsi a correre verso il baratro, di perdersi il senso della vita per strada. Ormai le cose importanti, per me, sono altre. Ma sono irrimediabilmente lontane…

  16. P.S. Gli ultimi due libri di Terzani sono bellissimi, non lasciarteli scappare!!

  17. ma le nostre isole le hai mai visitate? prima visita per bene quelle, le hai in casa, e, se giri specie in Sardegna, che ci sono zone ancora incontaminate perchè impervie e perchè puoi arrivare solo via mare, ti accorgerai che a volte facciamo km. per trovare quello che abbiamo sotto casa!Prova vai a visitare specie la Sardegna ti ricorderà molto le spiagge tropicali e troverai anche quei pesciolini specie se andrai nella zona del Sinis dove ci sono le spiagge di quarzo (sabbia di riso) e i mari delle isole tropicali o Mal di ventre altra isola: prova!un abbraccio franca

  18. @Squitter: ci sono stata, varie volte, ed anche esattamente dove dici tu!! Sono posti molto belli, effettivamente. Ma lo sai che andare in Sardegna mi costa di più che andare sul Mar Rosso?? E poi l’acqua è decisamente più fredda e meno popolata.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...