Washington Square

Washington Square – H. James – Ed. Garzanti – Collana I grandi libri – pagg. 200 – € . 6,50
Catherine Sloper è una ragazza semplice e buona, tiranneggiata da un padre, medico di successo intelligente ma anche cinico e spietato, e da una zia frivola e troppo impicciona, che per mancanza di emozioni nella sua vita tende a interferire, senza troppa intelligenza, nella vita e nei sentimenti della nipote. Essendo Catherine erede di un notevole patrimonio e di una rendita cospicua lasciatale dalla madre (morta mettendola alla luce), ma priva di bellezza e fascino e molto timida e ingenua, cade vittima dell’inganno del bel Mr.Townsend, cacciatore di dote spiantato e astutissimo…
I personaggi sono perfettamente delineati sotto il profilo psicologico, lasciando le descrizioni fisiche sfumate e vaghe. Il lettore partecipa ai pensieri ed alle emozioni dei protagonisti, segue la crescita e la trasformazione di Catherine che, soffrendo in silenzio, diviene consapevole di non essere amata, nè dal padre nè dal pretendente, nè tantomeno dalla zia. Ma tenacemente mantiene la sua integrità e acquista un suo amor proprio, prendendosi le sue rivincite al momento opportuno, anche se ormai la sua vita è destinata alla solitudine.


21 commenti

Archiviato in libri

21 risposte a “Washington Square

  1. La storia sembra interessante. di Henryy James ho letto e adorato “Giro di vite”, ho anche “Portrait of a lady” ma non mi ci sono mai avventurata.

  2. Uhm, visto così sembra proprio uno di quei libri che non digerisco. Mi sa che passo alla prossima :°DSee ya!

  3. @Eliseday: io invece ho qui da leggere “Daisy Miller”, di James.@RObin: credo anch’io che non sia “digeribile”, per te. Farò di meglio la prossima volta ^___^

  4. sembra molto interessante

  5. @Zeruhur: avevo visto un vecchio film tratto da questo romanzo, ma il libro è meglio!

  6. Ti ho letto come di consueto con grande interesse ..i tuoi post sono quel che ci vuole per orientarsi nel vasto mondo dei libri

  7. @tilli: grazie, sei sempre molto carina. Se aspetti ancora un’attimo ho da recensire altri due libri che ho appena finito di leggere.Entro domenica, spero, al massimo lunedì.

  8. ciao,passo di qui…e ne approfitto,anche se detesto farlo,per chiederti di passare da me,per leggere il mio ultimo postè una cosa importanteti ringrazio

  9. bellissimo libro. L’eroine di James la pagano sempre cara, ma con grande dignitàcris

  10. James è un grande scrittore!

  11. anonimo

    gran bel libro…mi sarebbe piacuto essere la musa ispiratrice di Henry James…anche se le “sue donne” soffrono molto, ne vale la pena perchè alla fine trionfa (anche se indirettamente) la loro dignità…è vero questa storia rispetto a Ritratto di Signora è più psicologica…mentre in Ritratto le descrizioni fisiche dei personaggi erano davvero minuziose…Ginevra..

  12. @khinna: lo credo anch’io. Il preservare la propria integrità morale e l’essere se stessa malgrado tutto mi sembrano gli imperativi più ricorrenti nelle opere di James.@mynona: concordo. ^___^@Ginevra: grazie per il tuo intervento. Ritratto di Signora non l’ho ancora letto, ma lo farò. Se mi lasci l’indirizzo del tuo blog lo vengo a visitare volentieri.

  13. @herm27: dov’eri finita? ^____^Ora vengo a trovarti.

  14. anonimo

    non ho un mio blog…sono solo una ragazza di 25 anni che ama leggere…ginevra

  15. @Ginevra: peccato. Pensaci, all’eventualità di aprirne uno, perchè ti permetterebbe di conoscere un sacco di appassionati lettori come noi e scambiare pareri, opinioni e informazioni che ci arricchiscono. Comunque passa di qui quando vuoi, sei sempre la benvenuta ^_____^

  16. anonimo

    grazie mille, comunque ho segnalato il tuo blog ad un’altra persone a cui, sono sicura, interesserebbe molto.complimenti ancora per le tue recensioni e per la passione che ci metti.ginevra

  17. @Ginevra: grazie e a presto! ^___^

  18. Mi stai facendo tornare la volgia di leggere ,da un po’ infatti trovo difficolta’ a concentrarmi ,i problemi con mia figlia e …grazie quindi perche’ riesci a stimolarmi ,baciotti

  19. @tilli: non parliamone dei problemi e le preoccupazioni per i figli, io non so più da dove incominciare con la mia.

  20. ho letto questo libro come altri di james e devo dire ke l’ho trovato interessante.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...