Questa mattina ho ricevuto per posta la raccolta di racconti
 "Un sogno dentro un sogno". Si tratta dei primi dieci racconti classificatisi nel concorso omonimo lanciato dalla casa editrice    
"I Sognatori". Ho insistito per essere la prima a riceverlo e a leggerlo (dopo I Sognatori e gli autori stessi, ovviamente) e mi hanno prontamente accontentata. Ho già letto il primo racconto durante la pausa-pranzo, ma per ora non vi dico nulla, tranne che mi piace. Seguirà una recensione non appena avrò terminato di leggerlo.

17 commenti

Archiviato in libri

17 risposte a “

  1. Attendiamo trepidanti il tuo responso…

  2. Speriamo che, dopo tutta questa attesa, tu non ci rimanga delusa.Ti do un in bocca al lupo, anche perche ad occhio e croce in questo momento tu stai leggendo ME (cioè il secondo racconto…).Facci sapereFabio

  3. anonimo

    ehm… il primo racconto era il mio… EMOZIONEEEEEEEbye,luis

  4. @utente anonimo (Luis): sei grande! @ordaragia: il tuo racconto l’ho riletto tre volte, tanto mi è piaciuto!@ISognatori: un paio di giorni ancora e arrivo!!!

  5. Sono davvero lusingato, anche perchè a volte sono venuto a farti visita nel blog e credo che tu sia una lettrice davvero in gamba: competente ed appassionata al tempo stesso, beh, non se ne trovano molti… Il tuo apprezzamento vale più di mille ragazzine che si strappano le vesti di fronte ad un moccia qualsiasi…Grazie milleFabio

  6. @ordaragia: grazie. L’immagine delle ragazzine che si strappano le vesti di fronte al moccia mi fa veramente ridere (ma mi fa anche un po paura). La passione per la letteratura c’è, per la competenza…io sono una vera autodidatta, anche se ho letto parecchio (niente moccia, però).

  7. In realtà Patty legge Moccia di nascosto…

  8. Patty…ti leggi Moccia???Si fa questo?? * guarda in aria fischiettando, facendo finta di non averlo mai letto*Scherzi a parte, tra un po’ lo ordino anche io, sono troppo curiosa!!E la competenza viene proprio dall’aver letto tantissimo, a mio avviso…Ah, non voglio pensare alla ragazzine che si spogliano davanti a Moccia, per favore!! E voglio dire, ce ne vuole di coraggio….Comunque complimenti a tutti di nuovo, poi vi dirò anche la mia quando ordinerò il libroHarion

  9. @ISognatori: IENE!!! ;o)@Harion: il fatto di aver letto qualche volta moccia (persisto nel negare la maiuscola ) non ti butta certo nel mucchio delle ragazzine suddette. So quanto e cosa leggi tu, e ti ammiro anche per questo. Per quanto riguarda questa raccolta di racconti, ti consiglio di non lasciartela scappare. E non vedo l’ora di leggere anche la tua recensione.

  10. anonimo

    Da “Tuttolibri” in edicola oggi:il 38% del campione legge 1 libro l’annoil 71% non compra neppure un librola lettura per il 20% è “pesante” perchè ricorda la scuolaper il 61% leggere un libro è una perdita di tempo.A fronte di tutto questo, mi permetto di dire, ben venga Moccia,se serve ad avvicinare i giovani alla lettura.Ciao. A.

  11. L’ultimo commento di A. ha anticipato un concetto che stavo per esprimere: in classe, per un’ora a settimana, coi ragazzi uniamo i banchi e creiamo una specie di grande quadrato al centro dell’aula, ci sediamo attorno ed ognuno di noi “presenta” il libro che sta leggendo e poi lo mette a mucchio sopra questo tavolone improvvisato. Alla fine chi vuole si prende in prestito un libro di un compagno, se lo legge e successivamente, se gli è piaciuto, lo ri-recensisce. Spesso mi è capitato di ascoltare recensioni di autori che mi mettono i brividi, autori che non consiglierei al mio peggior nemico. Ma qui scatta la maieutica: vietare certe letture le renderebbe ancora più appetibili, snobarle significherebbe offendere potenziali lettori. Allora è meglio mettere sul tavolo i propri libri con umiltà ed ascoltare se magari anche i ragazzzi propongono qualcosa di carino: con questo sistema ho scoperto negli anni autori come Houellebecq, Dick, Ornby e molti altri. Grazie alle parole di ragazzi di 17 anni ho conosciuto nuovi territori della letteratura che non conoscevo. Tutto questo grazie ai morsi sulla lingua che mi sono dato per evitare di insultare davanti a loro federico moccia!

  12. @ A. e ordaragia: il vostro discorso non fa una piega, ma la mia condizione privilegiata di “non-insegnante” e di persona che ha preso già la sua buona dose di fregature editoriali (in 34 anni di “carriera” da lettrice accanita e curiosa) mi porta a mettere un filtro , non molto restrittivo, ma quanto basta per escludere alcuni cosiddetti best seller e orientarmi verso altre letture. Il genere non importa: fantascienza, romanzi, gialli, noir, magari anche fantasy, e soprattutto letteratura degli scorsi due secoli e di quello attuale. Ho provato persino a leggere Dan Brown, qualche anno fa; poi ci ho messo una pietra sopra ^___^

  13. Harion

    infatti Moccia potrebbe essere preso come un punto di partenza (a proposito, ho scritto sul blog che ho cambiato università proprio per fare l’insegnante di lingua e letteratura??)Vabbe, dicevo che se avessi un’ alunna appassionata di Moccia, ne approfitterei alla grande. Qualora le piacesse, le direi: , porgendole: “ti prendo e ti porto via” (che m’ ha fatto schifo, ma si potrebbe avvicinare ai suoi gusti), oppure “la signora delle camelie” oppure “una ragazza fuori moda” della Alcott…insomma, la lettura è a gradini ^^ si sale e si scende, ma da qualche parte si dovrà pur partireSarà la mia missione di insegnate trasmettere un po’ di gioia a ‘sti ragazzi ^^L’insegnante è un ruolo FONDAMENTALE…magari in una classe non ne salvi tutti e 25, ma quei 2/3…perchè no?Arianna/Harion

  14. anonimo

    Concordo in pieno con Harion e ordaragia. Se continuiamo a proporre sempre gli stessi autori, non andremo da nessuna parte. Parlo per esperienza personale, se mio figlio non si è appassionato a Pavese o a Remarque, ha letto con piacere Ammaniti (io non ho paura) Hornby e Baricco.Buona domenica.Anna.

  15. @TUTTI: gente, io non ho detto che avete torto, dico solo che le mie SCELTE PERSONALI sono differenti. E siccome non le impongo a nessuno…Fra parentesi: Qualcosa di Hornby e di Baricco non mi sono dispiaciute affatto (Novecento, Alta Fedeltà…)

  16. anonimo

    @Patty: non vorrei che avessi frainteso, le tue scelte di lettura hanno la mia massima considerazione.Volevo semplicemente far presente,che in un paese dove si legge così poco, ben venga Moccia, se può avvicinare i giovani alla lettura.Il percorso può partire da Moccia e continuare…..Anna.

  17. Patty tranquilla, nessuno aveva frainteso ^^ io dicevo solo che Moccia potrebbe essere uno spunto, tutto qui….quale top mi consigli per andare ad urlargli in faccia (strappandomi i capelli presa dall’isteria di massa prevista alla sua prossima conferenza???) Quello leopardato o quello nero aderente?? sono in crisi!!!!!!!!file:///home/arianna/Immagini/Sailor Moon/moon20.gif

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...