"L’alienista" – Caleb Carr – Mondadori Oscar Bestsellers – pagg. 521 – €. 8,80

Siamo a New York nel 1886 e Theodore Roosevelt (futuro Presidente degli Stati Uniti) è a capo della polizia di questa città. Si è assunto l’onere di combattere la corruzione dilagante (soprattutto fra i suoi sottoposti), compito praticamente impossibile. Quando quello che noi oggi chiameremmo un serial killer comincia a mutilare e uccidere dei minorenni che si prostituiscono nei quartieri più malfamati……
Mi dispiace di non poter dire altro, ma vi rovinerei il piacere della lettura, che aggiunge passo per passo sempre nuovi elementi. Fondamentale è la figura dell’alienista (che più avanti negli anni chiameremo psichiatra) che sostiene delle teorie fortemente innovative per quell’epoca, e traccerà il profilo dell’assassino partendo dall’osservazione delle vittime. Inoltre ci sono le interessanti descrizioni dei primi rudimenti di quella che poi si chiamerà polizia scientifica. I personaggi sono rappresentati in maniere vivida e convincente, le atmosfere sono molto coinvolgenti. Molto belle le descrizioni della città, dei palazzi e dei quartieri della New York di fine ‘800, della grande povertà e della grande ricchezza, dei gangster dell’epoca, in sintesi di una città e della sua società in continua evoluzione. La protagonista femminile è una giovane intraprendente e caparbia che si batte per diventare la prima donna commissario di polizia. Un thriller intelligente e carico d’atmosfera, come giustamente l’ha definito il New York Times.

5 commenti

Archiviato in libri

5 risposte a “

  1. sostieni un ritmo di lettura che mi posso solo sognare (o che posso ottemperare solo in vacanza di solito) hai molta disciplina…L’alienista per me fu una bella sorpresa, di solito non amo molto i gialli, ma questo è molto particolare

  2. @Zeruhur: non credo che il mio ritmo di lettura abbia a che fare con la disciplina, piuttosto con la voglia di leggere, anche se mi costa qualche ora di sonno in meno ^___^Per “L’alienista”: è veramente un giallo diverso dagli altri che ho letto, e mi domando come potrebbe essere un film tratto da questo romanzo (però ci vorrebbe un regista di grosso calibro).

  3. una delle mie prossime letture

  4. @Elisaday: ottimo! Mi dirai cosa ne pensi, allora.

  5. L’ho letto questa estate e sono d’accordissimo con te… Un abbraccioLuisaMiao

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...