"Via Katalin" – Magda Szabó  – Einaudi – pagg. 198 – €. 17,00

In via Katalin, a Budapest, c’erano tre case  affiancate con i tre giardini  comunicanti,  divisi solo da un leggero  steccato.  Nella prima casa vivevano le sorelline Iréne  e Blanka,  nella seconda  la piccola Henriett e nella terza il giovane Bálint. I quattro bambini crescono insieme  e insieme affrontano, ormai cresciuti, la guerra e le persecuzioni antisemitiche.  Questo periodo crudele  sconvolgerà le loro vite  e ne cambierà il corso  in un modo che nessuno di loro  poteva immaginare.
Attraverso un periodo che che va dal 1934 alla fine degli anni sessanta, questo romanzo corale coinvolge con la sua nostalgia di luoghi, ricordi e desideri irrealizzati. E’ un continuo ritornare a ciò che non esiste più, perché è solo là, e in quel tempo, che loro possono vivere ed essere veramente se stessi. Anche gli spiriti di coloro che sono morti.

[…Ormai sapevano che la differenza fra i morti e i vivi è solo qualitativa, non conta granché, e sapevano anche che a ciascuno tocca un solo essere umano da invocare nell’istante della morte.]

Non voglio svelare che cosa accade ai protagonisti, perché è bello scoprirlo leggendo. Ve lo consiglio vivamente.

QUI c’è l’ottima recensione di Gabrilù.

Lascia un commento

Archiviato in libri

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...