E’ risaputo che la maggior parte degli scrittori, ma anche degli appassionati di letteratura e dei lettori accaniti in genere, hanno un rapporto privilegiato e una empatia particolare con i gatti. Non ho mai visto una casa dove ci sono molti libri che non abbia fra i suoi inquilini anche un gatto o più. Sarà per la sedentarietà e la quiete che la lettura esige, ma sicuramente non è l’unica spiegazione. Fortunatamente ci sono molte altre persone che amano i gatti e che magari non leggono e non scrivono, ma questo abbinamento si incontra molto di frequente. Di conseguenza, essendo io una gattofila fin dall’infanzia e una bibliofila/bibliomane da sempre, sono stata attirata inesorabilmente da questo libro.

"Gatti molto speciali" – Doris Lessing – Feltrinelli UE – pagg. 167 – €.7,00 (sc.-25% fino al 15 febbraio)
Doris Lessing ci presenta, uno per uno, tutti i gatti con i quali ha vissuto nella sua vita, a cominciare dal suo terzo anno di età in Persia. In africa era circondata dai gatti, quelli selvatici e quelli domestici, condizione ideale per apprendere molto su questi animali veramente speciali. A Londra, con i gatti cittadini, abituati ad uno stretto rapporto con gli umani, il legame diventa ancora più profondo e complesso. La scrittrice ci descrive i caratteri, i temperamenti, i gusti e le diverse psicologie dei suoi compagni felini con la stessa lucidità con cui ha analizzato se stessa e la società umana in tanti suoi libri. Sono creature intelligentissime, a volte, e a noi resta solo lo stesso rammarico,  provato dalla Lessing, di non penetrare a fondo il loro linguaggio.

23 commenti

Archiviato in libri, opinioni, personale

23 risposte a “

  1. Bello il post, bello il libro della Lessing.Io però mi permetto di suggerire di non generalizzare e/o assolutizzare.Con tutto il rispetto per voi due e i vostri gatti, eh….Chè si può leggere anche senza aver gatti per casa, eh.O no?

  2. @gabrilu: ma certo, così come ci sono gli amanti dei gatti che non leggono, ci sono pure i lettori e gli scrittori che non amano i gatti ^_____^ Ma le percentuali nelle quali si verifica questo connubio sono notevoli.

  3. dissento! io senza libri non posso stare ma adoro i cani…

  4. @elewitch: stessa risposta che ho dato a gabrilu.

  5. Bhe io non riesco a capire che dice Yule ma sono sicura al 100% che lei capisca TUTTO quello che dico. Obbedisce alla lettera senza neanche che io gesticoli. O_oSarebbe bello poter capire i suoi miao, si.

  6. @delsys: adesso sto leggendo un libro molto interessante. “La mente del gatto” di Bruce Fogle. Mi sembra già di aver capito qualcosa in più. Magari te lo faccio leggere, se vuoi e se non me lo distruggi.

  7. Ehm… io non ho un gatto. Sono una pessima eccezione? Comunque mi piacciono! Semplicemente non ci sono abituata, perchè mia madre è sempre stata allergica al loro pelo. Mi piacerebbe prenderne uno, ma sterebbe sempre solo tutto il girono, povera creatura.A parte questo, bello questo post gattofilo e anche quello che lo segue: la tua iniziativa mi piace assai!!!

  8. Confermo la regola: sono una gran gattofila, una gran lettrice e una scrittrice esordiente. Se dovessi scegliere una delle tre passioni? Impossibile!

  9. @AdamsRib: per fortuna i gatti non sono come i cani! A casa ci stanno benissimo e passano quasi tutte le ore diurne a dormire, così li trovi belli pimpanti ad attenderti al tuo ritorno, la sera.Grazie per l’apprezzamento alla mia timida iniziativa. Se continuate ad incoraggiarmi sarà sempre meno timida ^____^

  10. @Kinsy: sapevo di poter contare anche sul tuo appoggio ^_____^

  11. [Lo leggerò senza dubbio!!!! Ho anche io una micina nera senza la quale sembra impossibile immaginare le mie giornate… ;p]

  12. @Fynne: se non lo trovi troppo caro (€.16,00) ti consiglio di leggere anche “La mente del gatto” di Bruce Fogle. Lui è un veterinario di grande esperienza che in questo libro si occupa della psicologia e e dell’etologia del gatto domestico e selvatico (nonché randagio) dando anche molte informazioni che sfatano i soliti luoghi comuni sui nostri amici felini.

  13. Io vorrei tantissimo un gattino tutto mio da chiamare Lèon XD Questo libro me lo ritrovo ovunque sul web ultimamente, sarà un segno?? Un bacione Patty, vieni a trovarmi sul blog che ho ripreso alla grande 😉 Ciao!Arianna

  14. La mia infanzia è stata costellata di cani e gatti ma se devo essere sincera non amo molto i gatti preferisco più i cani anche se adesso come adesso, avendo una casa mia, non ho nè l’uno e nè l’altro!

  15. @Harion: più che altro penso che lo sconto del 25% ancora in atto l’abbia reso appetibile a molte persone. Dal tuo blog ci passo sempre, non commento perché le tue letture ultimamente sono un po lontane dai miei generi preferiti, ma leggo sempre tutto!

  16. @caterinaarmenta: anch’io da bambina ho avuto 3 cani, oltre alla gatta, gli scoiattoli, i pesci, gli uccellini, e non so più cos’altro. Ho voluto molto bene a tutti, ma poi crescendo ho capito che il mio carattere mi portava ad apprezzare molto di più i gatti, e dai 20 anni in poi, da quando ho avuto una casa mia (e di mio marito, logicamente), c’è sempre stato almeno un gatto, se non di più, a farmi compagnia.

  17. Sai benissimo qual’è il mio rapporto con i gatti (e coi libri), quindi sottoscrivo quanto hai scritto nel post. ^__^Però devo dire che ho un amico che legge tantissimo ma preferisce i cani; ecco ci sono sempre le eccezioni…

  18. @IsabelleTostin: certo che lo so! Sei una delle persone alle quali ho pensato quando ho scritto il post. Stavo pensando che forse chi ama più i cani che i gatti ha uno stile di vita più “sportivo”, è più portato verso l’esterno, più propenso a socializzare, forse. Io amo tutti gli animali, ma i gatti sono proprio i miei fratelli, siamo della stessa razza. ;o)

  19. anonimo

    Grazie allora per la costante presenza **A presto caraAri

  20. bello il tuo accostamento lettori/lettrici gatti/gatte in effetti se ci penso conosco parecchie persone che amano la lettura e hanno gatti.Per quanto mi riguarda non potrei stare senza gli uni e gli altri/e.saluti da me e un miao affettuoso da Zoe

  21. @khinna: grazie, dai un grattino a Zoe da parte mia, e tanti saluti da Palletta ^___^

  22. anonimo

    DEVO leggerlo!!! Amante di libri e gatti…è una lacuna da colmare al più presto. Ma cosa c’è di meglio al mondo di una poltrona, un bel libro ed un micio acciambellato in braccio…peccato che il mio Pantera non sia tanto dipsosto ad addormentarsi in braccio….Simona

  23. @Simona: la mia gatta invece sta sempre in braccio (a me, preferibilmente) e si scoccia parecchio se, per necessità, la faccio scendere. Ogni gatto ha la sua personalità e bisogna rispettarla ;o)))

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...