Archivi categoria: comunicazione

Un nuovo sito? Ma non hai già abbastanza da fare?

Nell’ultimo anno, per varie ragioni, non ultima per il piacere di farlo, sono entrata in contatto e in alcuni casi ho stretto amicizia con diverse persone (quasi tutte donne), che per professione o per passione gravitano nell’universo felino. Ho conosciuto un veterinario, un’assistente veterinaria francese, un’etologa comportamentalista specializzata in gatti (caso più unico che raro), diverse allevatrici italiane e straniere. Così, un giorno, circa un mese fa, mia figlia mi ha lanciato la sfida: “Visto che fra tutti abbiamo un bel bagaglio di conoscenze e informazioni, che ne diresti di aprire un sito dove si parla SERIAMENTE dei gatti, e dove tutti possano trovare informazioni utili, interessanti, curiose e/o pratiche? Io mi occuperei della grafica e della versione inglese del sito, tu dirigeresti il sito, e tutti quelli che vogliono collaborare pubblicherebbero degli articoli riguardanti la loro professione”. Non ho saputo dire di no, anzi, a dire la verità non ci ho nemmeno provato, e così fra circa un mese nascerà “A-Mici miei”, (“My FURRYends” nella versione inglese). Appena saremo online vi lascerò il link su questo blog. Veniteci a trovare.

Per restare in tema, piccola recensione e omaggio a Giorgio Celli, grande uomo e grande          etologo appassionato di gatti, scomparso nel 2011.

” Il gatto di casa: etologia di un’amicizia” – G. Celli –  Gruppo Edit. Muzio – pagg. 138 – €. 10,20

Mi diverte leggere i racconti di Celli, un entomologo/etologo sorprendentemente efficace nelle descrizioni scientifiche permeate da un’ironia e un’affettività assolutamente

esclusive di chi ha fatto del regno animale non solo una brillante trasmissione televisiva, ma anche una scelta di vita. Giorgio Celli è venuto a mancare nel giugno del 2011, in seguito a complicazioni dopo un intervento al cuore. Ha scritto più di 50 testi tra saggi, romanzi, testi teatrali. La sua passione per i gatti era nota a tutti.

In questo suo libro analizza il gatto casalingo e le sue frequentazioni con altri gatti “di fuori”.Scrive che gatto colono e gatto domestico hanno abitudini molto dissimili. Infatti, in un adattamento recentissimo (recente nella storia evolutiva) il gatto che vive con l’essere umano ha sviluppato un rapporto fondato sull’affetto e la reciproca confidenza. Questo tanto per sfatare la diceria che i gatti non si affezionano alle persone.Il fatto è soprattutto verificabile in alcuni particolari momenti, per esempio quello del parto. “In natura le gatte quando è giunto il momento di mettere al mondo i loro piccoli non vanno di sicuro a cercare le altre femmine perché facciano da levatrice .. Quando la gatta di casa deve partorire, beh, ci credereste? ha spesso l’abitudine di  chiedere aiuto al padrone. …Ricordo una mia gatta di tanti anni fa, che una bella notte salì nel letto, mi svegliò ronfando e spingendo la testa contro la mia spalla, e una decina di minuti dopo mi scodellò il primo di tre gattini quasi sul guanciale, mentre io continuavo ad accarezzarla”.

Che il gatto poi riesca anche a percepire gli umori dell’uomo che pensa di essere il loro padrone è innegabile. Lo stesso fenomeno lo ha osservato Celli, in una tribù allargata composta dai suoi gatti di casa e da quelli per così dire clandestini. Gli intrusi, così racconta, “non si limitano a curiosare, ma producono spesso dei guasti, buttando in terra risme di carta e libri rari dalla scrivania … rientrando di sera se i colpevoli sono ancora presenti, mi metto a far loro degli urlacci, batto le mani, minacciando di inseguirli. Ci credereste? I gatti estranei fuggono a zampe levate e quelli di casa? …Sembrano sapere benissimo che sono gli altri, i clandestini, l’oggetto delle mie contumelie, mentre loro, inquilini legittimi del posto, non hanno proprio nulla da temere …Se io urlo non è per loro, ma per gli intrusi”.

E’ bello pensare a questo andirivieni di gatti con le loro storie più o meno drammatiche, fatte di salvataggi, recuperi, adozioni. La casa di Giorgio per loro era sempre aperta. Come per Bianca all’olio, avvistata durante un viaggio in autostrada verso la sede di un convegno. Nell’area di servizio quella povera gattina sembrava mendicare del cibo, trascinandosi un po’ di traverso sulle zampe, come se fosse stata urtata da un’automobile. Il pensiero di quell’esserino così pericolosamente esposto insegue Giorgio per tutta la conferenza, tant’è che, al ritorno nel cuore della notte, ripassando da quell’area di servizio, tenta di avvicinarla senza successo. Rientrato a casa, un sogno terrificante gli rimanda l’immagine di un Tir che schiaccia la bestiola. “Mi sono svegliato in un’alluvione di sudore, e con il cuore che mi batteva come un tamburo. La mattina dopo, insieme al mio fedele collaboratore, sono andato a prenderla … Ora vive nel mio giardino e le ho dato un nome: Bianca all’olio. Che ne dite? Mangia regolarmente e se ne sta al calduccio. Tutto in virtù di un sogno che forse era premonitore”.

Padrone affettuoso, Celli, malgrado il suo atteggiamento da valente studioso, sapeva essere anche un mattacchione. E’ il caso di quello che definisce “comportamento d’accoglienza” di uno dei suoi tanti mici, determinato dalla sua presenza costante dietro alla porta di casa nel momento in cui lui l’apriva, come se il gatto in attesa ne avesse percepito in anticipo il ritorno (lo stesso fenomeno lo vivo con la mia gatta Naima ogni sera).

Era l’ascensore che avvertiva il micio del mio rientro? Quando ero in casa, il gatto non dava alcun segno di attenzione al ronzio dell’ascensore … Salii per ben tre volte le scale a piedi, con le scarpe in mano per minimizzare ogni possibile rumore d’avvertimento, e niente da fare: il gatto mi aspettava dietro la porta. La cosa diventò per me una specie di ossessione, ci pensavo e ci ripensavo senza riuscire a formulare uno straccio di ipotesi”.

Miao, Giorgio. Mi manchi.

 

3 commenti

Archiviato in comunicazione, e-book, libri, personale

Divorzio all’islamica a viale Marconi – Amara Lakhous – Edizioni  E/O – pagg.186 – €. 9,00

Un racconto carino, divertente, la cui trama, per quanto leggera e poco consistente, ha il grande pregio di far risaltare i personaggi e farti riflettere su di una realtà che molti di noi, me compresa, non conoscono: chi sono , cosa pensano, come vivono e quali difficoltà (materiali e psicologiche) incontrano gli immigrati islamici nel nostro Paese. Molte sono le informazioni che ci offre questo autore algerino che scrive in italiano e che parla, in fin dei conti, anche di noi italiani e di come ci rapportiamo con gli “altri”. Non mancano le critiche, bonarie ma non troppo, verso una certa mentalità integralista e arretrata (sia islamica che cristiana) che ha fatto tanti danni e impedito un vero rapporto di comprensione e convivenza serena fra le due sponde del Mediterraneo e non solo. La non conoscenza è il male peggiore.

Vorrei leggere anche, dello stesso autore, “Scontro di civiltà per un ascensore a piazza Vittorio”, che per ora non sono riuscita a trovare. Ma lo troverò.

10 commenti

Archiviato in comunicazione, libri, riflessioni

Siamo complici

Archivio cartaceo | di Furio Colombo

22 febbraio 2011

 

I complici.

Improvvisamente si scatena la meno prevista delle rivolte nel mondo arabo, di gran lunga la più violenta: il popolo libico contro il dittatore Gheddafi. Il mondo assiste a uno spettacolo tremendo: i dimostranti di manifestazioni politiche disarmate vengono sterminati da unità militari mercenarie. Gli Stati Uniti condannano, anche se la voce della prima potenza del mondo appare troppo debole. L’Europa ha detto che ciò che accade in Libia viola ogni principio politico e umano e non può essere accettato da nessuno dei Paesi membri.

Nessuno? Ma l’Italia è legata alla Libia del dittatore che sta sterminando il suo popolo da un trattato che la vincola al punto che – si dice all’articolo 4 – “l’Italia si impegna ad astenersi da qualunque forma di ingerenza, diretta o indiretta, negli affari interni o esterni che riguardino la giurisdizione dell’altra parte. L’Italia non userà mai ne permetterà l’uso dei propri territori in qualsiasi atto ostile contro la Libia”. Ma il trattato che – come ricorderete – è stato votato non solo da tutta la destra ma da tutto il Pd, con l’eccezione dei Radicali eletti nelle liste del Pd, e di due Deputati del Pd, Sarubbi e chi scrive, ha in serbo altre sorprese. Art. 20: “Le due parti si impegnano a sviluppare, nel settore della Difesa, la collaborazione tra le rispettive Forze Armate, anche attraverso lo scambio di informazioni militari e di un forte partenariato industriale nel settore della Difesa e delle industrie militari”. Ma anche (art. 19) “le due parti promuovono un sistema di controllo delle frontiere terrestri libiche da affidare a società italiane”.

In poche parole siamo complici. Siamo legati da uno “stretto partenariato” con un Paese che era ed è senza alcuna garanzia di rispetto dei diritti umani. Frecce Tricolori si sono viste volteggiare festosamente nel cielo di Tripoli, sugli edifici di governo che, in queste ore, i cittadini libici oppressi e senza diritti hanno dato alle fiamme.

È dovere urgente dello stesso Parlamento italiano che ha ratificato quasi alla unanimità quel trattato già allora facilmente riconoscibile come vergognoso, di agire subito per sospenderlo. Cominceremo la nostra denuncia con la frase pronunciata da Berlusconi, mentre i dimostranti di Bengasi venivano falcidiati con mezzi e armi forse italiani: “Non chiedetemi di intervenire adesso. Non posso disturbare Gheddafi”.

6 commenti

Archiviato in attualità, comunicazione, politica

Questo non è un Paese per donne

Tutte le donne, ragazze e bambine, in tutte le città d’Italia,

scendono in piazza domenica 13 febbraio 2011.

Senza distinzioni né distintivi.

A Milano l’appuntamento è in Piazza Castello alle ore 14,30.

Per informazioni sulle manifestazioni nelle altre città d’Italia

LEGGETE QUI

4 commenti

Archiviato in attualità, comunicazione, cultura, eventi, opinioni, personale, politica, raduni vari, sentimenti, solidarietà

Solidarietà a Mesiano (e non solo a lui)

Da lunedì mi organizzo:

mocassini bianchi, calzettoni turchesi,

 e felpa con la scritta:

Sono Stravagante, Farabutta, Più Bella Che Intelligente

e Pure Comunista.

12 commenti

Archiviato in attualità, comunicazione, opinioni, politica, solidarietà

Il Fatto Quotidiano 08/10/09

7 commenti

Archiviato in attualità, comunicazione, opinioni, politica

Lodo Alfano giudicato incostituzionale

Per tutti quelli che credono ancora nella Giustizia
questo è un giorno da ricordare.

9 commenti

Archiviato in comunicazione, personale, politica, riflessioni